GIOVEDÌ 22 APRILE ORE 17:00

Visioni Urbane per le Città Aumentate con Maurizio Carta

In streaming dalle ore 17:00 del 22 Aprile

Dialogo con Maurizio Carta, a cura di Luisa Bravo
Con un ricordo di Enrico Costa

La città intesa come luogo di valorizzazione della intelligenza collettiva dei suoi abitanti invoca un cambiamento di paradigma in grado di produrre un set di strumenti procedurali e operativi per coloro che vogliono accettare la sfida di ribaltare una visione sterile e poco innovativa. Abbiamo bisogno di definire un nuovo terreno di gioco per una visione alternativa più proficua, capace di rinnovare e potenziare il ruolo della città come piattaforma abilitante delle capacità umane, come acceleratore di empowerment e come moltiplicatore del capitale umano. Considerando superata – o quanto meno consumata – la Smart City Maurizio Carta propone la città aumentata (Augmented City) come un dispositivo spaziale/culturale/sociale/economico per migliorare la vita urbana contemporanea, individuale e collettiva, informale e istituzionale, generatrice di benessere e felicità. Se ormai viviamo e agiamo in una realtà aumentata in modo permanente da dispositivi hard e soft, le città devono essere più sensibili e reattive ai nostri cambiamenti comportamentali. Dobbiamo essere in grado di costruire un ambiente urbano più efficiente, in grado di percepire quello che accade e di reagire tempestivamente per tutti gli abitanti, e non solo per alcune categorie privilegiate.

Leggi di più sulle Città Aumentate

Ricordo di Enrico Costa, professore emerito presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria

Enrico Costa ha sempre lavorato per collocare l’Urbanistica al centro di intersezioni disciplinari multiculturali, applicando alla didattica e alla ricerca le metodiche e gli strumenti dei saperi trasversali. In questo senso, ha contribuito a creare contaminazioni virtuose tra settori affini raggiungendo l’obiettivo di mettere in luce la complessità della città vista dapprima come fatto culturale per poi reinterpretarla, non solo mediante la strumentazione tecnica, mai tecnocratica, propria della disciplina, attraverso gli occhi della letteratura e della poesia, delle arti figurative, della musica e, non ultimo, del cinematografo.
Nel 2016 la Fondazione Mediterranea gli aveva conferito il “premio Bertrand Russell ai saperi Contaminati”.

Maurizio Carta è Professore ordinario di urbanistica presso il Dipartimento di Architettura e Presidente della Scuola Politecnica dell’Università di Palermo. Esperto di pianificazione urbana e territoriale, pianificazione strategica e rigenerazione urbana, ha svolto consulenza scientifica per piani urbanistici, paesaggistici e strategici. Per le sue ricerche è invitato a tenere lezioni e conferenze in numerose università ed istituzioni italiane ed estere.
È considerato il teorico italiano della “città creativa”, cioè una città che fonda il suo sviluppo sulla cultura, sulla creatività e sull’innovazione. Nel 2007 ha pubblicato “Creative City. Dynamics, Innovations, Actions” considerato un caposaldo per la progettazione delle città creative di nuova generazione. Nel 2017, a partire dalle sfide che attendono le città contemporanee (il cambiamento climatico, la società della conoscenza, la diffusione della rete e l’economia circolare) ha elaborato il nuovo paradigma della “Augmented City”, una città aumentata più senziente, intelligente e open source, basata sulla creatività, sulla resilienza e sul riciclo per essere più produttiva e strategica e per potenziare il benessere dei suoi abitanti.

Nel 2015 la Biennale Internazionale di Architettura di Buenos Aires gli ha conferito un premio per i suoi studi sulla rigenerazione urbana. Nel 2018 fa parte del team curatoriale di Mario Cucinella per il Padiglione Italia della Biennale Internazionale di Architettura di Venezia.
Dirige lo Smart Planning Lab dell’Università di Palermo, un laboratorio di ricerca applicata all’urbanistica avanzata per la realizzazione della città intelligente e creativa e per la promozione dell’innovazione sociale.
E’autore di più di 300 pubblicazioni con elevato impatto scientifico ed internazionale.