SABATO 23 APRILE ORE 17:00

Concorso A-Place / Migrants, refugees and displaced communities

In streaming dalle ore 16:00 del 23 Aprile

Foto di copertina di Cesar Dezfuli

Presentazione dei film fuori concorso

IUVENTA, di Michele Cinque
Dialogo con il regista Michele Cinque
>>> GUARDA IL FILM

The Mediterranean: Refugee Graveyard, di Etienne Huver e Jean-Baptiste Renaud
Dialogo con il regista Jean-Baptiste Renaud
>>> GUARDA IL FILM

Michele Cinque, nato a Roma il 27/03/1984, è laureato in filosofia presso La Sapienza e dal 2004 si occupa di produzione di documentari per il cinema, serie tv, reportage per la televisione e della direzione artistica di eventi culturali. Nel 2007 dirige Lavoro Liquido, documentario vincitore del Premio Opera Imaie e presentato in diversi festival internazionali, e Top Runner, vincitore di una menzione d’onore e del Premio Speciale del Senato della Repubblica Italiana al FICTS 2009 e di un premio speciale al Palermo Sport Film Fest. Nel 2011 fonda la Lazy Film e produce e dirige un documentario sulla vita di Bob Marley e una biografia di Louis Armstrong entrambe andati in onda su Rai Due e Rai Storia. In questi anni ha realizzato diversi contenuti per Rai Italia, Rai Storia e Rai Tre, tra cui una serie tv sugli sport estremi distribuita in Italia, a Hong Kong, in Francia e in Finlandia.
Dal 2013 è corrispondente estero di Rai Italia prevalentemente dal Sud America e tra il 2013 e il 2017 produce oltre cento filmati dal mondo per il programma Community. Il suo ultimo film Sicily Jass, (selezione ufficiale al 27th New Orleans Film Festival e al Mimo Festival Brasile) co-prodotto con Rai Cinema, finanziato e riconosciuto di Interesse Culturale dal M.I.B.A.C.T. è stato presentato in anteprima al Festival dei Popoli 2015 e premiato a Salina DocFest e al See you Sound di Torino. Dal 2009 al 2013 cura la direzione artistica di Doctorclip: Roma poetry film festival, sostenuto da Roma Capitale e dalla Regione Lazio.
Nel 2015 Michele Cinque ha iniziato ad occuparsi di arti digitali realizzando prima Urban-map a Tor Sapienza e poi fondando il primo festival di Light Interaction Design a Roma, Ro-map (Roma Light Interactive Festival), che è giunto alla sua terza edizione coinvolgendo un pubblico sempre più ampio.
A maggio 2016 è invitato a realizzare come artista due mostre a Rio de Janeiro tra video-arte e interattività commissionate dagli Inglesi di People Palace Project
nell’ambito del Lab Criativo, una sull’Utopia nella favela della Marè, RJ, e la seconda sui trasporti metropolitani della capitale carioca.
Nel luglio del 2016 si imbarca sulla Iuventa al largo delle coste della Libia per girare Iuventa, un documentario per la sala sulla crisi dei migranti nel Mediterraneo, coprodotto con Rai Cinema e ZDF/3Sat. Nel 2017 è vincitore del progetto Migrarti del Mibact con la Lazy Film grazie al quale è stato prodotto il film cortometraggio Jululu, ambientato nei ghetti in Puglia dove vivono i braccianti agricoli immigrati. Jululu ha vinto il premio Miglior Regia alla 74° Mostra del Cinema di Venezia e il premio Abba al Milano Film Festival 2017.

Jean-Baptiste Renaud, 33, is an investigative journalist and director of investigative documentaries. Since 2010 he has directed or co-directed a dozen feature-length documentary investigations. After being an editor at Premiere Lignes and Crash Investigation for 7 years, he continues to defend investigative documentaries in the world of TV broadcasting.
Renaud is part of the 84th cohort of ESJ Lille where he has also led investigative training sessions for first and second year students since 2017.
For the theme of his works, he has often chosen to investigate the violation of human rights during periods of armed conflict, and, more specifically, the complacency, or even complicitness, of Western democracies in these acts of violence.

Etienne Huver, 44, is a successful independent reporter. Since 2014 he has been one of the leaders of the group of investigative journalists, ‘Slugnews’.
As a graduate of the Institut de Journalisme de Bordeaux Aquitaine (IJBA), he has worked as a reporter for the radio channel RTL for 13 years. Most notably, he covered the 9/11 attacks in America and the beginning of the Iraq war in 2003. Since then he has collaborated with different names in press and television, such as Arte, M6, France télévision, and France 24.
Etienne Huver is a Prix Albert Londres 2016 laureat for his documentary ‘Disparus: la guerre invisible de Syrie’, co-directed with Sophie Nivelle-Cardinale.